Editoriale di primavera

Carissimi, a questo punto della stagione, quando si stanno programmando le attività di fine campionati, può essere opportuno guardarci intorno.
I campionati stanno delineando le squadre finaliste, quelle che andranno in Toscana a scontrarsi per scudetti e coppe. Siamo soddisfatti, sia per i risultati sia perché il nome del Roller non è mai comparso tra le società soggette a provvedimenti disciplinari. Sono soddisfatto perché ho visto crescere progressivamente il numero dei partecipanti ai corsi per avviamento e minihockey. Mi ha fatto piacere vedere l’impegno delle squadre che si trovano per il primo anno a combattere in un nuova categoria (le “b”).


Molte cose avvenute in questi mesi mi hanno reso orgoglioso: l’impegno dei ragazzi, dei genitori, la gioia dei più piccoli nell’indossare i pattini, il sorriso e la presenza costante degli allenatori, la dedizione di Gigi alla cura di Area Caneva, dei dirigenti negli impegni numerosi, di Paolo Vigo
puntualmente a bordo pista, sacrificando sabati, domeniche e non solo .

E poi, le grandi occasioni: la cena di Natale, il torneo di Natale, il Gran Gala, la finale di Coppa Italia. Ed ancora, la casetta e chi si è offerto di gestirla; la cura continua e puntigliosa per il miglioramento di area Caneva. Siamo un bel gruppo spinti dalla passione verso lo sport per i nostri ragazzi. Infatti, dietro l’ attività sportiva ed i risultati ottenuti, c’è l’impegno di un gruppo che lavora seguendo un programma per il miglioramento di Area Caneva e lo star bene di tutti.

Ringrazio i giocatori della serie A2 e serie B per le emozioni che ci fanno vivere; sono la nostra immagine a livello nazionale e ci stanno rappresentando molto bene. Restano scolpite le immagini
della partita di finale a Forte contro il Viareggio: tutti i commenti sono stati a nostro favore; tutti abbiamo gioito e sofferto in pista. Bravi!
Infine…ci restano da vivere le ultime partite e poi le finali. Abbiamo tutti la voglia di tornare al centro pista per prendere gli applausi del pubblico. Ma soprattutto, per vedere il sorriso dei nostri ragazzi.
Buon fine anno sportivo!

Ottorino Bombieri